Dallo psicologo? Ma sei pazzo! Non sono matto!

In Italia ci sono ancora molti pregiudizi rispetto alla figura dello psicologo e all’aiuto che può fornire in molteplici contesti e situazioni.

Il pregiudizio è farsi un’idea sbagliata di qualcosa, senza conoscere realmente questo qualcosa,  ma basandosi unicamente su informazioni parziali e/o errate.

Il pregiudizio applicato al benessere psicologico, limita la possibilità di cura della propria mente, ostacola il benessere emotivo e lo sviluppo dell’individuo.

Comuni credenze e leggende metropolitane

Con questa premessa vale la pena affrontare almeno le più comuni false credenze e miti che aleggiano intorno allo psicologo e al suo lavoro.

False credenze talmente diffuse da aver portato l’Ordine degli Psicologi della Lombardia a realizzare e distribuire cartoline informative volte a contrastare queste false convinzioni che ostacolano la promozione del benessere psicologico nel nostro paese.

  • SEI PAZZO! Dallo psicologo ci vanno i matti…

Questo forse è il pregiudizio più diffuso, comune ed estremo.

Nell’immaginario collettivo la figura dello psicologo è associata unicamente a gravi disturbi psichiatrici,  mentre in realtà lo psicologo lavora principalmente per migliorare la qualità della vita e favorire il benessere.

La maggior parte delle persone che si rivolvono allo psicologo è motivata da difficoltà emotive circoscritte  o vuole intraprendere un percorso di maggior consapevolezza di sé.

Ci sono numerosi interventi dello psicologo in molti ambiti diversi: per esempio può aiutare uno sportivo a migliorare il suo atteggiamento mentale di fronte a una gara importante, sostenere un Manager a sviluppare le competenze comunicative utili nel suo lavoro, far conoscere a un gruppo di persone l’importanza della comunicazione assertiva, ecc…

Inoltre, anche le persone che chiedono un aiuto psicoterapeutico per problemi d’ansia e attacchi di panico, depressione, difficoltà relazionali, ecc.. non sono “pazzi” ma sono persone qualunque con una famiglia, amici, un lavoro, che hanno dei momenti di vita difficili.

Rivolgersi allo psicologo in queste circostanze, permette d’avere un aiuto qualificato e risolvere prima il problema.

  • ARRANGIATI! Devi cavartela da solo… altrimenti sei uno sfigato…

Anche questo pregiudizio è molto diffuso e spesso, per un’influenza anche socioculturale, è più frequente negli uomini che nelle donne.

La società in cui viviamo esalta positivamente concetti quali l’efficienza, l’autocontrollo, la forza di carattere, la volontà, trasmettendo il valore “dell’uomo che non deve chiedere mai”.

In realtà, la vera persona forte è quella che sa gestire bene il suo ambiente e che è in grado di trovare le migliori soluzioni, compresa quella di chiedere sostegno e aiuto.

Vivere delle problematiche o dei momenti di difficoltà non è un’eccezione, ma una normalità che chiunque di noi può attraversare nel corso della vita.

Lo psicologo può aiutare a risolvere prima una situazione difficile e dolorosa, come una situazioni di stress, una problematica d’ansia frequente, un momento di crisi di carriera, ecc…

  • INUTILE PARLARE! Cosa vuoi che mi dica? Chiedo ad un amico…

La possibilità d’avere accanto, in un momento di difficoltà, amici e famigliari è una risorsa preziosa.

Tuttavia, lo psicologo non fornisce buoni consigli e pacche sulle spalle (per questo ci sono appunto amici e famigliari sensibili) ma applica conoscenze sulla natura della mente e del pensiero umano, funzionali a trovare una soluzione ai problemi che non si sono risolti con il “buon senso”.

La “terapia della parola”, come è spesso definita la psicologia, ha dato riscontri scientifici di cura, come i farmaci.

La mente umana è uno strumento meraviglioso che, per funzionare al meglio, ha bisogno di manutenzione, proprio come facciamo per il nostro corpo.

Per mantenere in salute i denti, fin da bambini impariamo a lavarli, a passare il filo interdentale.. e la mente?

La nostra mente ha esattamente le stesse necessità, solo che in questo caso si tratta di fare un viaggio di conoscenza e scoperta del proprio linguaggio interiore.

  • ANNI DI CURE! Entro in un tunnel di sedute infinite…

È vero che è difficile dare una tempistica precisa di cura ai pazienti, ma questo non significa necessariamente dover affrontare anni di terapia.

Così come per la medicina, anche la psicologia è costantemente attenta a trovare soluzioni di salute nel minor tempo possibile.

L’approccio cognitivo-comportamentale è sottoposto a procedure di validazione rispetto alla sua efficacia che permettono di saper dare una tempistica di massima per la cura ai pazienti.

Le motivazioni per cui ci si rivolge allo psicologo sono così diverse che non è possibile fare di tutt’erba un fascio.

Ci sono problemi che richiedono percorsi lunghi, di alcuni anni, ma anche moltissime situazioni ed esigenze per le quali sono sufficienti alcuni mesi o solo alcune consulenze.

  • PSICOFARMACI E PASTICCHE! M’imbottisce di psicofarmaci…

I farmaci e la loro somministrazione sono di competenza del medico (lo specialista in questo caso è lo Psichiatra) e quindi lo psicologo non prescrive farmaci.

Qualora ritenesse utile per voi questo tipo di cura, ve ne parlerà, fornendovi eventualmente un riferimento di un medico specialista.

In molti casi, tuttavia, i farmaci non sono necessari e sono sufficienti i colloqui psicologici o psicoterapeutici.

  • MANIPOLAZIONE MENTALE E MAGIA

“ È uno psicologo e quindi devo stare attento a quello che dico perché mi analizza…”

Questo falso mito si applica quando nella vita di tutti i giorni incontriamo in ambienti informali persone che svolgono la professione o in terapia, quando al primo incontro ci aspettiamo la risoluzione dei nostri problemi.

Lo psicologo non è veggente, per cui non è sufficiente parlare con lui pochi minuti per far si che capisca di noi! Sarà necessario farsi conoscere nella propria unicità personale per permettergli d’aiutarci.

A proposito di maghi ….

Molte persone con problemi psicologici si rivolgono a loro cercando aiuti miracolosi e spendendo ingenti somme di denaro: se avete un problema affidatevi a un professionista che vi darà gli strumenti per star bene senza raggirarvi con false promesse e illusioni.

Se vi fossero soluzioni magiche, al mondo nessuno avrebbe problemi!

 

Copyright © 2014 -2019 Marta Vittoria Ferrari, Psicoterapeuta a Milano, psicologa, istruttrice di Mindfulness, formatrice - P.IVA 06582200967 - Privacy - Cookie - Credits